FAST FIND : NR4702

L. R. Veneto 27/03/1998, n. 5

Disposizioni in materia di risorse idriche, istituzione del servizio idrico integrato ed individuazione degli ambiti territoriali ottimali, in attuazione della L. 5.1.94, n. 36.
Con le modifiche introdotte dalle LL.RR.5/2001, del 18/11/2005 n.15, del 16/08/2007 n.20
Scarica il pdf completo
21847 457956
[Premessa]


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457957
Capo I - Norme generali


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457958
Art. 1. - Finalità

1. La presente legge individua gli ambiti territoriali ottimali, disciplina le forme ed i modi di cooperazione fra i Comuni e le Province ricadenti nel

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457959
Art. 2. - Individuazione degli ambiti territoriali ottimali

1. Nel rispetto dei principi della L. n. 36/1994 e del principio di un autonomo approvvigionamento idropotabile, il territorio della Regione Veneto è suddiviso in otto ambiti territoriali ottimali, delimitati come da cartografia e relativi elenchi allegati alla presente legge (allegato A) e denominati:

a) Alto veneto;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457960
Capo II - Forme di cooperazione e Autorità d'ambito


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457961
Art. 3. - Forme e modi della cooperazione ed istituzione dell'Autorità d'ambito

1. Al fine di garantire la gestione del servizio idrico integrato secondo criteri di efficacia, efficienza ed economicità, i Comuni e le Province ricadenti in ciascun ambito istituiscono l'Autorità d'ambito, utilizzando una delle seguenti forme di cooperazione:

a) conven

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457962
Art. 4. - Individuazione della forma di cooperazione

1. Ai fini del presente articolo, la consultazione tra gli enti locali partecipanti all'ambito avviene mediante la conferenza d'ambito

2. La conferenza d'ambito è composta dai presidenti e dai sindaci, o dagli assessori delegati, delle province e dei comuni ricadenti nell'ambito ed è convocata e presieduta dal presidente della Provincia col maggior numero di abitanti residenti nei comuni dell'ambito, come indicato nell'allegato A.

3. Entro sessanta giorni dall'entrata in vigore della presente legge i Comuni e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457963
Art. 5. - Ordinamento dell'Autorità d'ambito

1. L'Autorità d'ambito di cui al comma 1 dell'articolo 3 ha personalità giuridica di diritto pubblico.

2. L'ordinamento dell'Autorità d'ambito è stabilito dalla convenzione di cui al comma 2 dell'articolo 3, ovvero dallo statuto di cui al comma 3 dell'articolo 3, nonché dalle disposizioni del presente articolo.

3. Nel caso in cui l'Autorità d'ambito venga istituita utilizzando la forma di cooperazione prevista alla lettera a) del comma 1 dell'articolo 3, nella convenzione di cui al comma 2 dell'articolo 3 è indicato l'ente locale responsabile del coordinamento.

4. Nell'ipotesi di cui al comma 3, gli organi dell'Autorità sono:

a) l'assemblea d'ambito, composta dai presidenti e dai sindaci, o dagli assessori delegati, delle province e dei comuni ricadenti nell'ambito;

b) il presidente, cui compete la rappresentanza istituzionale e legale, individuato nella persona del presidente della provincia o del sindaco de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457964
Art. 6. - Organizzazione e funzionamento dell'Autorità d'ambito

1. Per l'espletamento delle proprie funzioni ed attività l'Autorità d'ambito si dota di una struttura operativa alle dipendenze del direttore; può inoltre avvalersi di uffici

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457965
Capo III - Programmazione, organizzazione e gestione del servizio idrico integrato


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457966
Art. 7. - Organizzazione del servizio idrico integrato

1. Gli enti locali partecipanti all'ambito, attraverso la forma di cooperazione individuata ai sensi del comma 1 dell'articolo 3, organizzano il servizio idrico integrato al fine di garantirne la gestione secondo criteri di efficienza, efficacia ed economicità.

2. Fatto salvo quanto previsto dal comma 3 dell'articolo 10 della L. n. 36/1994, l'Autorità d'ambito, provvede, di norma, alla organizzazione ed alla gestione del servizio idrico integrato con

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457967
Art. 8. - Regime di salvaguardia

1. L'Autorità d'ambito, in attuazione del comma 4 dell'articolo 9 della L. n. 36/1994, ove lo ritenesse rispondente agli interessi generali dell'ambito, può prevedere, su domanda degli enti locali proprietari, che l'organizzazione del servizio idrico integrato di cui all'articolo 7 preveda anche la salvaguardia di una o più delle gestioni esistenti.

2. Al fine di assicurare il razionale utilizzo delle risorse idriche la salvaguar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457968
Art. 9. - Criteri per il razionale utilizzo delle risorse idriche

1. Al fine di garantire il razionale utilizzo delle risorse idriche e di assicurare una gestione dei servizi rispondente ai principi di efficienza, efficacia ed economicità nell'intero territorio regionale, le Autorità d'ambito organizzano il servizio idrico integrato di cui all'articolo 7 e disciplinano il regime di salvaguardia di cui all'articolo 8, tenuto conto anche dei criteri di cui al presente articolo.

2. Nel caso di applicazione del comma 4 dell'articolo 7, al fine di garantire adeguate caratteristiche di efficienza, efficacia ed economicità della gestione e di qualità del servizio prestato all'utenza, ciascun soggetto gestore, con l'esclusione delle conce

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457969
Art. 10. - Rapporti tra Autorità d'ambito e soggetti gestori

1. I rapporti tra Autorità d'ambito e soggetti gestori di ciascun ambito sono regolati da una convenzione di gestione e relativo disciplinare.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457970
Art. 11. - Cessazione delle gestioni esistenti non salvaguardate

1. Entro sessanta giorni dal subentro dei nuovi soggetti gestori, gli enti locali proprietari parteci

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457971
Art. 12 - Tariffa

N2 “1. La tariffa è determinata dall’Autorità d’ambito secondo un calcolo eseguito conformemente ai criteri ed ai metodi di cui agli articoli 13, 14 e 15 della legge n. 36/1994 e del decreto del Ministro dei lavori pubblici del 1 agosto 1996. Nel calcolo della tariffa l’Autorità d’ambito deve altresì considerare ed includere la quota di cui al comma 2 ter. La tariffa così determinata costituisce il corrispettivo del servizio idrico integrato ed è unica per ciascuna gestione.”.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457972
Art. 13. - Programma pluriennale degli interventi

1. Al fine della predisposizione del programma degli interventi di cui al comma 3 dell'articolo 11 della L. n. 36/1994, gli enti locali partecipanti all'ambito, entro sessanta giorni dalla costituzione dell'Autorità d'ambito, operano la ricognizione delle opere di acquedotto, fognatura e depurazione esistenti.

2. Trascorso inutilmente il termine previsto al comma 1, alla ricognizione delle opere di adduzione, distribuzione, fognatura e depurazi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457973
Capo IV - Programmazione regionale


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457974
Art. 14. - Modello strutturale degli acquedotti

1. Al fine di coordinare su scala regionale le azioni delle Autorità d'ambito, la Giunta regionale, sentita la commissione consiliare competente, nonch&eacut

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457975
Art. 15. - Modifiche al piano regionale di risanamento delle acque

1. Le disposizioni della presente legge sostituiscono le previsioni incompatibili del piano regionale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457976
Capo V - Controllo e partecipazione degli utenti


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457977
Art. 16. - Verifica dello stato di attuazione

1. La Giunta regionale, verifica periodicamente lo stato di attuazione, della presente legge da parte degli enti locali interessati, nonché il funzionamento delle Assemblee d'ambito.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457978
Art. 17. - Comitati consultivi degli utenti

1. Entro centottanta giorni dalla loro costituzione, le Autorità d'ambito costituiscono comitati consultivi deg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457979
Capo VI - Norme transitorie e finanziarie


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457980
Art. 18 - Personale

1. Con apposita legge regionale da emanarsi entro sei mesi dall'entrata in vigore della presente legg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457981
Art. 19 - Norme transitorie

1. Le concessioni relative alla gestione di uno o più dei servizi idrici stipulate dopo l'entrata in vigore della L. n. 36/1994 e rite

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21847 457982
Art. 20. - Norma finanziaria

1. Agli oneri derivanti dall'applicazione della presente legge, quantificabili in lire 400.000.000 per l'anno 1998, si fa fronte mediante riduzione di pari importo dello stanziamento, in termini di competenza e cassa, del capitolo n. 80210 denominato "Fondo globale spese correnti", partita n. 4 "Istituzione servizio idrico integrato", iscritto nello stato di previsione della spesa del bilancio di previsione per l'esercizio 1998, e contemp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Demanio
  • Pubblica Amministrazione
  • Demanio idrico

Concessioni demaniali marittime, canoni aggiornati, proroghe e scadenze

Quadro normativo di riferimento sui canoni concessori; Tabelle con la misura aggiornata dei canoni (ultimo aggiornamento annuale valido per il 2018 e tabelle storiche); Proroghe e scadenze delle concessioni; Revisione in corso della disciplina e delle zone demaniali; Sospensione procedimenti pendenti al 15/11/2015 relativi alle aree pertinenziali.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Acque
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Demanio idrico

Concessioni demaniali marittime, il DDL delega per la revisione della normativa

Il disegno di legge in discussione che punta, tra l’altro, a superare il contrasto con la normativa comunitaria in merito alle proroghe automatiche delle concessioni in essere, con affidamenti nel segno della trasparenza e della concorrenza. Si prevede anche la revisione dei canoni concessori.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Tutti i termini prorogati dal Decreto-Legge “Milleproroghe” 244/2016 (L. 19/2017)

Rassegna completa di tutti i termini in scadenza di interesse di professionisti tecnici, enti e pubbliche amministrazioni, imprese, prorogati dal consueto decreto-legge “Milleproroghe” (D.L. 244/2016 convertito in legge dalla L. 19/2017). Prevenzione incendi; Protezione civile, calamità e terremoti; Appalti, opere e infrastrutture; Pubblica amministrazione; Ambiente, fonti rinnovabili e sicurezza sul lavoro; Varie.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

L’autorizzazione al trasporto marittimo di acqua potabile

Sintetica pagina informativa sulle modalità per ottenere l’autorizzazione ministeriale al trasporto marittimo con navi cisterna di acqua potabile e di sostanze alimentari liquide sfuse sulla base del D.M. 10/10/1988, n. 474 e dei provvedimenti collegati. Aggiornamento con la prevista revisione normativa disposta dal D.L. 243/2016 (L. 18/2017).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Albo progettisti interventi di adeguamento impianti di trattamento acque reflue urbane

Alla luce delle disposizioni introdotte dal D.L. 243/2016, questa pagina informativa tratta: la normativa in tema di trattamento delle acque reflue urbane, il ritardo infrastrutturale italiano e le conseguenti procedure di infrazione europee e le norme introdotte per un rapido adeguamento alla normativa, con particolare riguardo alla istituzione di un albo unico dei progettisti per gli interventi inferiori a 1.000.000 di Euro.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

09/02/2018

12/01/2018

02/12/2017