FAST FIND : GP12818

Sent. C. Cass. civ. 21/05/2012, n. 8016

1801983 1801983
1. Contratto di appalto - Responsabilità dell'appaltatore - Configurabilità - Condizioni - Obbligo dell'appaltatore di controllare la bontà del progetto o delle istruzioni impartite dal committente - Sussistenza - Condizioni - Limiti. 2. Contratto di appalto - Rovina e difetti di cose immobili - Responsabilità del costruttore - Gravi difetti dipendenti da errata progettazione - Responsabilità del progettista e dell'appaltatore - Sussistenza - Natura extracontrattuale - Configurabilità - Conseguenze. 3. Impugnazioni civili - Ricorso per Cassazione - Procedimento - Assegnazione del ricorso - Istanza di parte di rimessione alle sezioni unite - Effetti - Obbligo di specifico esame e rigetto - Esclusione - Fondamento.

1. L'appaltatore, dovendo assolvere al proprio dovere di osservare i criteri generali della tecnica relativi al particolare lavoro affidatogli, è obbligato a controllare, nei limiti delle sue cognizioni, la bontà del progetto o delle istruzioni impartite dal committente e, ove queste siano palesemente errate, può andare esente da responsabilità soltanto se dimostri di avere manifestato il proprio dissenso e di essere stato indotto ad eseguirle, quale "nudus minister", per le insistenze del committente ed a rischio di quest'ultimo. Pertanto, in mancanza di tale prova,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Scarica il pdf completo
1801983 1804758
SENTENZA

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1801983 1804759
SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

L'impresa edile Giannecchini Enzo e Geragioli Alfiero snc. conveniva in giudizio davanti al Tribunale di Lucca, la E.L.C.E. Costruzioni Edilizie per sentirla condannare al pagamento di Euro 15.529,13 per le opere edilizie realizzate in favore di quest'ultima in esecuzione di un appalto, nonché al risarcimento del danno per recesso ingiustificato.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1801983 1804760
MOTIVI DELLA DECISIONE

Va preliminarmente evidenziato che il Collegio ha disatteso l'istanza di assegnazione alle sezioni unite senza l'adozione di uno specifico provvedimento. Come questa Corte ha già chiarito, l'istanza di parte, formulata ai sensi dell'art. 376 c.p.c. e art. 139 disp. att. c.p.c., rappresenta un mero sollecito all'esercizio di poteri discrezionali (Cass. 27 maggio 1946, n. 671), il quale, non solo non è soggetto ad un obbligo di motivazione, ma non deve neppure manifestarsi necessariamente in uno specifico esame e rigetto dell'istanza (Cass. del 14/01/2003, n. 359).

1. Con il primo motivo la ricorrente lamenta l'omessa insufficiente e contraddittoria motivazione circa il fatto controverso e decisivo per il giudizio (art. 360 c.p.c., n. 5) in ordine all'impegno assunto con il contratto di appalto, relativamente alla costruzione del muro di contenimento in cemento armato, dalla società Giannacchini e Geragioli snc. ritenuta mero esecutore d'opera, etero diretto. Errata valutazione delle risultanze istruttorie in violazione dell'art. 116 c.p.c. (in relazione all'art. 360 c.p.c., nn. 3 e 4). In particolare, la ricorrente evidenzia come la Corte di Appello abbia in motivazione, da un lato affermato che "se l'impresa appaltatrice non è in grado di svolgere un lavoro non deve accettarlo" e, dall'altro, che "la costruzione di un muro in cemento armato costituisce all'evidenza opera isolata e banale, che in sé non pone alcun problema di discrezionalità o sensibilità costruttive, eppure, in considerazione della struttura armata che la caratterizza, richiede necessariamente il progetto di un ingegnere abilitato" per concludere, poi, che "l'impegno assunto dall'impresa a cagione della particolare fisionomia dell'opera dedotta in contratto, fosse quello di mero esecutore di qualificate direttive altrui, in funzione come si usa dire di "nudus minister". In relazione all'erronea valutazione delle risultanze istruttorie la parte ricorrente si duole del fatto che la Corte d'appello non abbia tenuto conto del conte

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1801983 1804761
P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia il processo ad altra sezione della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Appalti di lavori privati
  • Edilizia e immobili

Il subappalto di lavori privati in materia edilizia

NOZIONE E CONTESTO NORMATIVO - L’ASSENSO DEL COMMITTENTE (Assenso come mera autorizzazione; Possibilità di un consenso preventivo e generico; Assenza di rapporto diretto tra committente e subappaltatore) - AUTONOMIA TRA CONTRATTO DI SUBAPPALTO E CONTRATTO DI APPALTO (Autonomia contrattuale delle parti; Responsabilità per mancata consegna dell’area di cantiere; Accettazione senza riserve) - RESPONSABILITÀ DEL SUBCOMMITTENTE (Responsabilità per danni a terzi; Responsabilità per lavorazioni pericolose); RESPONSABILITÀ DEL SUBAPPALTATORE (Responsabilità per difformità e vizi dell’opera; Responsabilità per rovina e difetti di cose immobili; Denuncia dei vizi; Riconoscimento dei vizi; Obbligo di segnalare le istruzioni errate del subcommittente; Responsabilità in caso di infortuni sul lavoro).
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Appalti di lavori privati
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili

Il contratto di appalto per la realizzazione di un intervento edilizio illecito

APPALTO TRA PRIVATI E NORME URBANISTICO-EDILIZIE - NULLITÀ DEL CONTRATTO DI APPALTO E CONSEGUENZE (Nullità del contratto per realizzazione di opera edilizia abusiva; Conseguenze della nullità nel rapporto tra committente e appaltatore; Appaltatore non a conoscenza dell’illiceità dell’opera - Irrilevanza; Impegno di una parte di richiedere i permessi - Irrilevanza; Altri rimedi - Irrilevanza; Indebito arricchimento del committente; Sanatoria successiva dell’intervento; Opere eseguite in difformità dai permessi).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Condominio
  • Edilizia e immobili
  • Appalti di lavori privati

Condominio e gravi vizi costruttivi delle parti comuni

Questo articolo approfondisce dettagliatamente, attraverso un’analisi puntuale della normativa nazionale e della giurisprudenza di legittimità, la responsabilità dell’appaltatore nei confronti del committente per gravi vizi costruttivi di immobili. Possono incorrere in tale responsabilità, in concorso con l’appaltatore, anche il direttore lavori e il progettista.
A cura di:
  • Giuseppe Bordolli
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

La responsabilità del costruttore per gravi difetti dell’opera

Punto della giurisprudenza sui casi nei quali è applicabile la responsabilità del costruttore per rovina, pericolo di rovina o gravi difetti dell’opera, con particolare riguardo ai lavori di ristrutturazione, riparazione o modifica di edifici esistenti. A seguito del contrasto giurisprudenziale sorto sul caso, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione si sono pronunciate con la sentenza 27/03/2017, n. 7756.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Condominio

Lastrico solare o terrazza ad uso esclusivo: responsabilità per danni da infiltrazione e ripartizione delle spese

Questo articolo approfondisce dettagliatamente, attraverso un'analisi puntuale della normativa nazionale e della giurisprudenza di legittimità, il tema della ripartizione delle spese per il rifacimento o la manutenzione del lastrico solare. Tra gli aspetti esaminati, il criterio di ripartizione delle varie spese, il problema delle unità immobiliari parzialmente coperte e della responsabilità dei danni da infiltrazioni.
A cura di:
  • Giuseppe Bordolli
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Abruzzo, recupero sottotetti: proroga al 31/12/2019

  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Calamità/Terremoti
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Norme tecniche
  • Protezione civile

Contributi per la ripresa delle attività economiche e produttive nei territori colpiti dal sisma a far data dal 24/08/2016

  • Titoli abilitativi
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa
  • Standards
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)

  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Professioni
  • Certificazione energetica
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Esercizio, ordinamento e deontologia

Puglia: obbligo di formazione dei certificatori energetici