FAST FIND : NW3812

Ultimo aggiornamento
17/04/2015

Ascensori, accordo preventivo per l’installazione di impianti in deroga: documentazione e procedure

Il D.M. 19/03/2015 - emanato in attuazione del nuovo art. 17-bis del D.P.R. 162/1999 a sua volta introdotto dal D.P.R. 8/2015 - reca la documentazione necessaria e le indicazioni procedurali per le autorizzazioni all’istallazione in deroga ai requisiti di sicurezza per i rischi di schiacciamento (edifici esistenti ed edifici nuovi).
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Il D.P.R. 19/01/2015, n. 8 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 43 del 21/02/2015), ha introdotto modifiche al D.P.R. 30/04/1999, n. 162, prevalentemente allo scopo di chiudere la procedura d’infrazione UE contro l’Italia n. 2011/4064 ai fini della corretta applicazione della Direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori, ma anche per intervenire in termini di aggiornamento e semplificazione procedimentale. Si veda in proposito l’articolo Ascensori in servizio pubblico: estesa l’applicazione del D.P.R. 162/1999.
Tra queste ultime innovazioni, l’introduzione del nuovo art. 17-bis del D.P.R. 162/1999, che reca una disciplina semplificata per la concessione di autorizzazioni all’istallazione di ascensori in deroga ai requisiti di sicurezza, relativamente in particolare agli altri mezzi alternativi da utilizzare per evitare rischi di schiacciamento per gli operatori e manutentori nei casi eccezionali in cui nell’installazione di ascensori non è possibile realizzare i prescritti spazi liberi o volumi di rifugio oltre le posizioni estreme della cabina (punto 2.2 dell’Allegato I al D.P.R. 162/1999).
Si rammenta in proposito che ai sensi del punto 2.2 dell’Allegato I al D.P.R. 162/1999:
L'ascensore deve essere progettato e costruito in modo da impedire il rischio di schiacciamento quando la cabina venga a trovarsi in una posizione estrema. Si raggiunge questo obiettivo mediante uno spazio libero o un volume di rifugio oltre le posizioni estreme.
Tuttavia, in casi eccezionali, lasciando agli Stati membri le possibilità di dare il proprio accordo preventivo, in particolare in edifici già esistenti, le autorità competenti possono prevedere altri mezzi appropriati per evitare tale rischio se la soluzione precedente è irrealizzabile
”.

A tal proposito il nuovo art. 17-bis del D.P.R. 162/1999, introdotto dal D.P.R. 8/2015, dispone che l'accordo preventivo in questione è realizzato:

per edifici esistenti

mediante comunicazione al Ministero dello sviluppo economico corredata da specifica certificazione, rilasciata da un organismo accreditato e notificato, in merito all'esistenza delle circostanze che rendono indispensabile il ricorso alla deroga, nonché in merito all'idoneità delle soluzioni alternative utilizzate per evitare il rischio di schiacciamento

per edifici di nuova costruzione (quando lo stesso è necessario, ed in ogni caso ferma restando la limitazione ai casi di impossibilità per motivi di carattere geologico)

mediante preventivo accordo rilasciato dal Ministero dello sviluppo economico entro il termine di 120 giorni (come da specifica voce dell'allegato al D.P.C.M. 272/2010 che reca “Individuazione dei termini superiori ai novanta giorni per la conclusione dei procedimenti amministrativi di competenza del Ministero dello sviluppo economico”)

 

Al disposto di cui al menzionato art. 17-bis del D.P.R. 162/1999 è stata poi data attuazione con il D.M. 19/03/2015, che reca:

  • per la fattispecie concernente gli EDIFICI ESISTENTI:

- la documentazione da presentare da parte del proprietario dello stabile e dell’impianto o del suo legale rappresentante all’organismo accreditato e notificato ai fini della prevista certificazione (Allegato 1, sezione 1);
- il modello della comunicazione da trasmettere via PEC al Ministero dello sviluppo economico, corredata dalla certificazione, ai fini della realizzazione dell’accordo preventivo (la ricevuta del relativo messaggio PEC tiene luogo del provvedimento espresso di accordo preventivo) (Allegato 2);

  • per la fattispecie concernente gli EDIFICI DI NUOVA COSTRUZIONE:

- la documentazione da presentare da parte del proprietario dello stabile e dell’impianto o del suo legale rappresentante, al Ministero dello sviluppo economico, unitamente alla certificazione di cui sopra (Allegato 1, sezione 2) ;
- il modello dell’istanza da trasmettere via PEC al Ministero dello sviluppo economico, corredata dalla certificazione, ai fini dell’ottenimento dell’accordo preventivo (Allegato 3).

Dalla redazione

  • Impiantistica
  • Ascensori e montacarichi

Ascensori e montacarichi: installazione, verifica e manutenzione

Installazione dell’ascensore e messa in esercizio, misure di sicurezza nell’uso, manutenzioni e verifiche, malfunzionamento e fermo impianto, modifiche rilevanti all’impianto, particolarità per gli ascensori in servizio pubblico. Indicazioni aggiornate al D.P.R. 23/2017 con tabella degli obblighi del proprietario o dell’amministratore di condominio.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Norme tecniche
  • Impiantistica
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Ascensori e montacarichi

Ascensori in servizio pubblico: esercizio, manutenzione e verifiche periodiche (D.M. 09/03/2015)

Emanato il decreto che - in attuazione del precedente D.P.R. 8/2015 - reca le disposizioni e le procedure inerenti all’apertura, all’esercizio, alla manutenzione, nonché alle verifiche e prove periodiche per il funzionamento in sicurezza degli ascensori in servizio pubblico. Abrogato il precedente D.M. 11/01/2010 e il D.M. 281/1931.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Ascensori e montacarichi
  • Impiantistica

Ascensori in servizio pubblico, estensione campo di applicazione D.P.R. 162/1999 (D.P.R. 8/2015)

Emanato il D.P.R. 8/2015, allo scopo di chiudere la procedura d’infrazione 2011/4064 ai fini della corretta applicazione della Direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori, ma anche per introdurre ulteriori modifiche che intervengono in termini di aggiornamento e semplificazione procedimentale. Di fatto superato il D.M. 11/01/2010 relativo agli ascensori in servizio pubblico.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ascensori e montacarichi
  • Impiantistica

Patentino ascensoristi: ripristino Commissione prefettizia ed esami di abilitazione (L. 167/2017)

La Legge europea per il 2017 – pubblicata nella G.U. 27/11/2017, n. 277 - prevede il ripristino della Commissione prefettizia incaricata di svolgere le prove teorico-pratiche di esame per acquisire l’abilitazione alle attività manutentive sugli impianti di ascensore.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Impiantistica
  • Ascensori e montacarichi

Sicurezza ascensori e componenti: il D.P.R. 23/2017 che recepisce la Direttiva 2014/33/UE

È stato pubblicato nella G.U. 62/2017 il D.P.R. 23/2017 chiamato a recepire la Direttiva 2014/33/UE relativa agli ascensori, ai relativi componenti di sicurezza ed alle modalità per l’esercizio. Sintesi del provvedimento ed indicazioni emerse in merito alla problematica dell’adeguamento degli ascensori più vecchi.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Fonti alternative
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Professioni

Bolzano: aggiornamento obbligatorio installatori impianti FER

  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Provvidenze
  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Impiantistica
  • Fonti alternative

Veneto: bando per la rottamazione delle vecchie stufe a biomassa

  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Certificazione energetica
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Professioni

Puglia: obbligo di formazione dei certificatori energetici

  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Fonti alternative
  • Impiantistica
  • Professioni
  • Energia e risparmio energetico

Toscana, formazione installatori impianti alimentati da FER: avvio e proroga termine

30/11/2017

18/09/2017

25/07/2017