FAST FIND : GP12272

Sent. C. Stato 11/03/2015, n. 1264

Edilizia e immobili - Attività edilizia - Consistenza dell'immobile ad una certa data - Prova - Valore dell'atto notarile - Sufficienza.
Scarica il pdf completo
1610348 1695049
[Premessa]


REPUBBLICA ITALIA

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1610348 1695050
SENTENZA

Omissis

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1610348 1695051
Svolgimento del processo

1. Dagli atti di causa risulta che l'attuale appellante e originario ricorrente è proprietario dell'immobile sito nel Comune di Noicattaro, su area qualificata come B2 del PRG, realizzato intorno al 1938 e nel corso del tempo sistemato e completato dai danti causa del ricorrente anche mediante due DIA del 14 agosto 1996 e del 20 novembre 1996.

Lo stesso Comune, nel 2011, contestava il mancato perfezionamento delle due citate DIA perché inefficaci, essendo state oggetto di osservazioni formulate con note comunali del 9 settembre 1996 e del 28 novembre 1996, in quanto nel corpo di fabbrica principale risultavano essere stati abusivamente realizzati tra il novembre 1958 e il novembre 1996, vani adibiti a cucina, bagno, ripostiglio e disimpegno.

Così l'originario ricorrente impugnava l'ordinanza comunale n. 33 del 26 aprile 2012, di demolizione dei suddetti vani di piano terra prospicienti il cortile interno, nonché la citata nota del 28 novembre 1996, deducendo più motivi di censura per violazione di legge ed eccesso di potere sotto diversi profili.

2. Con la sentenza impugnata, il Tribunale amministrativo respingeva il ricorso evidenziando che:

a) dalla planimetria catastale del 1940, dai verbali di accertamento catastale del 1942 e del 1960, dai rilievi aerofotogrammetrici e dalla corrispondenza privata versata in atti, esisteva sino al 1996, nel cortile retrostante il fabbricato del ricorrente, soltanto un pollaio di forma rettangolare di ventidue metri quadrati;

b) il citato pollaio sarebbe stato poi trasformato in mini-alloggio con bagno, cucina, ripostiglio e disimpegno avendo la dante causa dell'originario ricorrente denunciato al catasto, ai fini degli adempimenti di cui all'articolo 8 della L. 1 ottobre 1969, n. 679 R(Semplificazione delle procedure catastali), un ampliamento dei vani siti sul lato nord, nel cortile retrostante l'abitazione principale;

c) nella DIA presentata al Comune in data 20 novembre 1996, il manufatto ampliato era stato indicato come preesistente, pur non risultando alcun titolo abilitativo per tale ampliamento, visto che si non potevano considerare tali le licenze edilizie del 26 novembre 1958 e del 13 maggio 1961 riguardanti lavori diversi sul fabbricato principale e non sul pollaio;

d) neppure le opere realizzate con DIA risultavano legittime, avendo il Comune asserito, con la nota impugnata del 28 novembre 1996 inibitoria dell'inizio dei lavori, che la seconda DIA, ricomprendente anche i lavori segnalati con la prima DIA, fosse illegittima, non essendo stato convertito in legge il decreto-L. 24 settembre 1996, n. 495 su cui si fondava la presentazione della medesima DIA;

e) il citato provvedimento inibitorio risultava, contrariamente a quanto affermato dal ricorrente, formalmente inviato alla persona all'epoca proprietaria dell'immobile e comunque non vi era mai stata la comunicazione di chiusura dei lavori, né sussisteva la certificazione di conformità all'autodichiarazione iniziale, il che evidenziava una DIA non perfezionata;

f) il convincimento del ricorrente, secondo il quale gli effetti del citato D.L. 24 settembre 1996, n. 495 R(Misure urgenti per il rilancio economico ed occupazionale dei lavori pubblici e dell'edilizia privata), non convertito, erano stati fatti salvi dall'articolo 2, comma 61 della L. 23 dicembre 1996, n. 662 (Misure di razionalizzazione della finanza pubblica), risultava opinabile. Ciò in quanto la DIA, presentata il 20 novembre 1996, avrebbe iniziato a produrre i suoi effetti solo venti giorni dopo, cioè dal 10 dicembre 1996, data in cui il decreto-legge era già decaduto perché non convertito, di guisa che esso non avrebbe potuto operare al di fuori del periodo di temporanea vigenza e per situazioni giuridiche verificatesi dopo quel periodo. La DIA non avrebbe, in ogni caso, potuto coprire le opere di ampliamento abbisognevoli di un titolo espresso per essere realizzate;

g) la conformità del manufatto alla disciplina urbanistica vigente all'epoca della sua realizzazi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1610348 1695052
Motivi della decisione

In via preliminare, questo Collegio ritiene non ammissibili le produzioni dell'appellante trasmesse in data 27 novembre 2014 ritenendole ai sensi dell'articolo 104, comma 2 del Codice del processo amministrativo non indispensabili ai fini della decisione; ne dispone, pertanto lo stralcio dagli atti di causa.

L'appello è in parte da accogliere e in parte da respingere, nei sensi di seguito illustrati.

Con riguardo al primo motivo di censura, il Collegio osserva che in presenza di un atto pubblico di compravendita, quello redatto dal Notaio Fornaro in data 28 aprile 1964, appare fondata la tesi dell'appellante sulla legittimità dei manufatti riportati nell'atto come casa sita nel Comune di Noicattaro ai numeri civici 86 e 88 della via Cappuccini, composta dal vano piano terreno n. 86, dal vano portone al n. 88 con accesso ai lastrici solari, da due vani retrostanti, cucina, bagno e lastrici solari sovrastanti i suddetti vani con cortiletto e con retrostante porzione di giardino avente la superficie di mq. 878 con ogni altro accessorio e pertinenza relative, ivi compreso un piccolo vano di piano scantinato.

Appare venire meno, così, la valenza probatoria di altri documenti quali le risultanze catastali e i rilievi aerofotogrammetrici. Questi ultimi hanno, del resto, un valore indiziario e probatorio solo quando non risultino contraddetti da specifiche determinazioni negoziali tra le parti e a cui ricorrere quando manchino altre prove.

L'atto notarile esibito dall'odierno appellante offre una sufficiente dimostrazione dell'effettiva consistenza del manufatto poiché ne descrive a quella data, il 28 aprile 1964, la consistenza dei v

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1610348 1695053
P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta), definitivamente pronunciando sull'appello in epigrafe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Pubblica Amministrazione
  • Urbanistica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Fisco e Previdenza
  • Impiantistica
  • Titoli abilitativi
  • Inquinamento acustico
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Mercato del gas e dell'energia
  • Gestione delle risorse idriche
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Rifiuti
  • Inquinamento atmosferico
  • Servizio idrico integrato
  • Rifiuti apparecchiature elettriche ed elettroniche
  • Catasto e registri immobiliari
  • Difesa suolo
  • Edilizia e immobili
  • Tutela ambientale
  • Edilizia scolastica
  • Energia e risparmio energetico
  • Procedimenti amministrativi
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Parchi e aree naturali protette
  • Impianti di telefonia e comunicazione
  • Impianti elettrici
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Fonti alternative
  • Acque per consumo umano
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Demanio
  • Appalti e contratti pubblici
  • Espropriazioni per pubblica utilità
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Cave, miniere e attività estrattive
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Acque di balneazione

Il “Collegato ambientale” 2016 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella L. 28/12/2015, n. 221 (Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali, cosiddetta “Legge sulla green economy” o “Collegato ambientale”), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Compravendita e locazione
  • Edilizia residenziale
  • Titoli abilitativi
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Agevolazioni
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Fisco e Previdenza
  • Piano Casa
  • Edilizia e immobili

Le novità del D.L. 47/2014 dopo la conversione in legge

Questo articolo offre una panoramica delle più significative misure, fiscali e civilistiche, adottate con il D.L. n. 47/2014, all’esito della conversione in legge. Imposizione agevolata sui redditi derivanti dalla locazione di alloggi sociali in caso di interventi edilizi; Detrazioni IRPEF per conduttori di alloggi sociali; Detrazione per l’acquisto di arredi; Riscatto a termine dell’alloggio sociale; Potenziamento della «cedolare secca» sulle locazioni a canone concordato nei comuni ad alta tensione abitativa; Novità in materia di finanza locale - IMU, TASI e TARI - per immobili posseduti da cittadini residenti all’estero; Lotta all’occupazione abusiva di immobili; Tutela dei conduttori che hanno denunciato i contratti di locazione «in nero»; Tutela degli acquirenti di immobili da costruire; Rilancio dell’edilizia residenziale sociale.
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

La modulistica unica per l'edilizia e le attività produttive

Inquadramento normativo; Iter di adozione della modulistica a livello locale; Modulistica per l'edilizia; Modulistica per attività commerciali o assimilabili; Tutto quello che non può più essere richiesto a cittadini e imprese; Quadro riepilogativo regionale; Modulistica precedente.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi

Soppalco, titolo edilizio per la realizzazione

DEFINIZIONE DI SOPPALCO - QUALIFICAZIONE INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SOPPALCO - REGIME EDILIZIO PER LA REALIZZAZIONE DI UN SOPPALCO (Regime successivo al D.L. 133/2014 ed al D. Leg.vo 222/2016; Regime precedente) - PARAMETRI DI VALUTAZIONE E RASSEGNA DI GIURISPRUDENZA.
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Difesa suolo
  • Titoli abilitativi

Interventi edilizi in aree soggette a vincolo idrogeologico

Individuazione delle aree soggette a vincolo idrogeologico; Interventi soggetti a c.d. nullaosta idrogeologico; Procedura per il c.d. nullaosta idrogeologico; Abusi idrogeologici - Sanzioni; Ordine di riduzione in pristino - Autorizzazione idrogeologica in sanatoria; Pianificazione di bacino - Interventi in aree a rischio idrogeologico.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Indici, tassi e costi di costruzione
  • Urbanistica
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Titoli abilitativi
  • Costi di costruzione
  • Aree rurali
  • Agricoltura e Foreste
  • Agriturismo
  • Alberghi e strutture ricettive

Trento: obbligo di adeguamento dei Comuni al Regolamento urbanistico-edilizio provinciale

  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa
  • Standards
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Pianificazione del territorio
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)

  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Urbanistica
  • Standards
  • Piano Casa
  • Edilizia e immobili

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)

  • Imprese
  • Compravendita e locazione
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Protezione civile
  • Calamità/Terremoti
  • Calamità
  • Terremoto Centro Italia 2016

Sisma centro Italia 2016: termine sospensione versamenti mutui e canoni di locazione finanziaria (attività economiche e privati con prima casa distrutta o inagibile)

  • Imposta sulle successioni e sulle donazioni
  • Edilizia e immobili
  • Fisco e Previdenza
  • Catasto e registri immobiliari

Utilizzo obbligatorio modello dichiarazione di successione Provv. Agenzia Entrate 305134/2017