FAST FIND : AR1041

Ultimo aggiornamento
15/01/2015

La legge di stabilità 2015 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella legge di Stabilità 2015 (L. 23 dicembre 2014 n. 190), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Dalla redazione

La scissione dei pagamenti (“split payment”) nelle prestazioni a enti pubblici, società controllate e società quotate in borsa

Norme di riferimento; funzionamento del meccanismo; rimborsi IVA in via prioritaria ai fornitori e prestatori di servizi; soggetti tenuti all’applicazione per le fatture emesse dal 01/01/2015 al 31/12/2016 e per quelle emesse dal 01/01/2017; operazioni soggette; applicazione dal 01/07/2017 anche alle prestazioni dei professionisti; operazioni escluse; emissione della fattura e diciture; versamento IVA da parte del cliente/cessionario; estensione dal 2018 a tutte le società controllate dalla P.A. (D.L. 148/2017).
A cura di:
  • Dino de Paolis

Contribuenti “minimi”: il nuovo regime istituito dal 2015 e modificato dalla LDS 2016

Sintesi del nuovo regime impositivo introdotto dalla Legge di stabilità 2015 e poi modificato dalla Legge di stabilità 2016, che sostituisce i precedenti regimi di favore. Soglie di ricavi differenziate in base al codice ATECO (tabella) e costi deducibili in base a coefficienti di redditività. AGGIORNAMENTO APRILE 2016: Circolare di chiarimenti 04/04/2016, n. 10/E.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Le nuove ipotesi di «reverse charge» introdotte dalla L. 190/2014

Questo articolo illustra le nuove ipotesi di «reverse charge» (o «inversione contabile») introdotte dalla L. 190/2014 (Legge di Stabilità 2015), evidenziando in particolare: il rapporto con la pregressa disciplina e le differenze, il campo di applicazione soggettivo ed oggettivo, le incertezze interpretative, le modalità per la fatturazione e le registrazioni ai fini IVA. Tali ipotesi, riguardando il settore edile e immobiliare, non sono state oggetto della bocciatura da parte della Commissione europea, che ha invece riguardato l’inversione contabile dell’IVA sulle forniture alla grande distribuzione. AGGIORNAMENTO GENNAIO 2016: Articolo aggiornato con le indicazioni su molti casi pratici fornite nella nuova Circolare 37/E del 22/12/2015 e con la nuova disposizione relativa alle imprese partecipanti a consorzi aggiudicatari di opere pubbliche recata dall'art. 1, comma 128, della L. 208/2015 (Legge di Stabilità 2016).
A cura di:
  • Stefano Baruzzi

Stima catastale delle componenti non strutturali negli immobili a destinazione speciale e particolare

Questo articolo, a seguito delle innovazioni contenute nell’art. 1, commi 21-24, della L. 208/2015 (Legge di stabilità 2016) riepiloga le norme che regolano la determinazione della rendita catastale degli immobili a destinazione speciale e particolare (gruppi catastali “D” ed “E”), con specifico riguardo a quali siano le componenti impiantistiche e comunque non strutturali da includere o meno nella stima. Vengono distinte le norme applicabili fino alla fine del 2015 e quelle applicabili dal 2016, anche sulla scorta delle interpretazioni fornite dalla Circolare dell’Agenzia Entrate 2/E/2016.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Le regole per l’esenzione IMU sui terreni agricoli alla luce del D.L. 4/2015 convertito in legge

Dopo l’emanazione del D.L. 4/2015, che ha definitivamente rivisto le regole per l’esenzione dall’IMU dei terreni agricoli - facendo seguito alle diverse disposizioni che si erano susseguite nei mesi precedenti - facciamo il punto della situazione, illustrando sia le regole applicabili “a regime” che quelle transitoriamente valide solo ai fini dell’anno d’imposta 2014. L’articolo è aggiornato con le novità apportate dalla legge di conversione del D.L. 4/2015 (L. 34/2015), che ha introdotto nuove ulteriori fattispecie di esenzione, nonché una detrazione per i comuni definiti di “collina svantaggiata”. Sono state altresì previste specifiche disposizioni concernenti le imposte immobiliari delle province autonome di Trento e Bolzano.
A cura di:
  • Dino de Paolis