FAST FIND : NW3768

Ultimo aggiornamento
10/01/2018

Reddito dominicale: definizione, variazioni e relativa denuncia, esenzione

Breve informativa sul “reddito dominicale”: definizione, variazioni in aumento e in diminuzione, obblighi di denuncia della variazione, possibilità di esenzione dall'obbligo con aggiornamento della banca dati catastale da parte dell’Agenzia Entrate ed eventuale di ricorso da parte del contribuente. ULTIMO AGGIORNAMENTO: Comunicato pubblicato in G.U. 29/12/2017, n. 302.
A cura di:
  • Dino de Paolis

In questo articolo proponiamo una breve informativa sul “reddito dominicale”, vale a dire quella parte del reddito catastale dei terreni posta a remunerazione della proprietà. Viene fornita la definizione, chiariti i casi in cui vi è variazione e quali siano gli obblighi di denuncia della variazione.

Infine viene dato conto delle fattispecie di esenzione dall’obbligo della denuncia di variazione, nelle quali i nuovi redditi dominicali sono attribuiti “d’ufficio” dall’Agenzia delle Entrate, con possibilità per il contribuente di proporre ricorso in Commissione tributaria entro 120 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del relativo comunicato. A tale proposito l’ultimo comunicato contenente l’elenco dei comuni per i quali è stata completata l’operazione di aggiornamento della banca dati catastale è pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 29/12/2017, n. 302.

IL REDDITO DOMINICALE - Ai sensi dell’art. 25 del D.P.R. 917/1986 (Testo Unico delle imposte sui redditi), sono redditi fondiari quelli inerenti ai terreni e ai fabbricati situati nel territorio dello Stato che sono o devono essere iscritti - con attribuzione di rendita - nel catasto dei terreni o nel catasto edilizio urbano.

Il reddito fondiario si distingue in:

  • reddito dominicale dei terreni: parte di reddito fondiario che remunera la proprietà;
  • reddito agrario dei terreni: parte di reddito fondiario attribuita al capitale di esercizio e all’organizzazione nell’attività agricola;
  • reddito dei fabbricati.

La determinazione del reddito dominicale avviene, ai sensi dell’art. 28 del D.P.R. 917/1986, mediante l’applicazione di tariffe d’estimo stabilite per ciascuna qualità e classe di terreno, da sottoporre a revisione ogni 10 anni o quando se ne manifesti l’esigenza per sopravvenute variazioni nelle quantità e nei prezzi dei prodotti e dei mezzi di produzione. Le modifiche derivanti dalla revisione hanno effetto dall’anno successivo a quello di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

LE VARIAZIONI DEL REDDITO DOMINICALE - A proposito delle variazioni del reddito dominicale, l’art. 29 del D.P.R. 917/1986 dispone che:

  • dà luogo a variazioni in aumento la sostituzione della qualità di coltura allibrata in catasto con altra di maggiore reddito;
  • danno luogo a variazioni in diminuzione la sostituzione della qualità di coltura allibrata in catasto con altra di minore reddito, oppure la diminuzione della capacità produttiva del terreno per naturale esaurimento o per altra causa di forza maggiore, anche se non vi è stato cambiamento di coltura, ovvero per eventi fitopatologici o entomologici interessanti le piantagioni.

Le variazioni indicate danno luogo a revisione del classamento dei terreni cui si riferiscono e devono essere denunciate dal contribuente all’ufficio tecnico erariale, fatta salva la fattispecie di esenzione dall’obbligo descritta più avanti.

Le variazioni in aumento devono essere denunciate entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello in cui si sono verificati i fatti che hanno portato all’aumento del reddito ed hanno effetto da tale anno.

Le variazioni in diminuzione hanno effetto dall’anno in cui si sono verificati i fatti che hanno portato alla diminuzione del reddito, se la denuncia è stata presentata entro il 31 gennaio dell’anno successivo. Di contro, se la denuncia è stata presentata dopo, le variazioni hanno effetto dall’anno in cui è stata presentata la denuncia.

La denuncia deve essere presentata in alternativa utilizzando il software Docte 2.0, oppure tramite l'apposito modello 13T "Dichiarazioni variazione della coltura". Per maggiori dettagli su entrambe le modalità per presentare la denuncia si veda la pagina dedicata sul sito dell'Agenzia delle Entrate.

L’ESENZIONE DALL’OBBLIGO DI DENUNCIA DELLE VARIAZIONI - Il comma 33 dell’art. 2 del D.L. 262/2006 (conv. L. 286/2006), prevede l’esenzione dall’obbligo della denuncia di variazione del reddito dominicale da rendere al catasto terreni per i soggetti che, nell’ambito della richiesta di contributi agricoli previsti da regolamenti UE, presentino le dichiarazioni relative all’uso del suolo sulle singole particelle catastali. A tal fine dette dichiarazioni devono contenere anche gli elementi per consentire l’aggiornamento del catasto, ivi comprese quelle relative ai fabbricati facenti parte dell’azienda agricola.

Le disposizioni in commento, poi modificate dal D.L. 159/2007 (conv. L. 222/2007), prevedono inoltre che all’atto dell’accettazione della dichiarazione di cui sopra, l’Agenzia per le erogazioni in agricoltura (AGEA) predisponga una proposta di aggiornamento della banca dati catastale, che viene trasmessa all’Agenzia delle Entrate, la quale provvede di conseguenza ad inserire nei propri archivi i nuovi redditi relativi agli immobili oggetto delle variazioni colturali. I nuovi redditi dominicali così attribuiti producono effetti fiscali a partire dal 1° gennaio dell’anno in corso al momento della presentazione della dichiarazione.

In seguito, l’Agenzia delle Entrate dà notizia del completamento delle operazioni di aggiornamento tramite un comunicato da pubblicare in Gazzetta Ufficiale, nonché, per i 60 giorni successivi, rendendo noti tramite gli uffici provinciali ed il proprio sito Internet i risultati delle operazioni catastali di aggiornamento presso i comuni interessati.

I ricorsi in Commissione tributaria [1]avverso la variazione dei redditi possono essere proposti nei 120 giorni successivi alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del comunicato.

Tra le “Fonti collegate” sono consultabili tutti i comunicati contenenti l’elenco dei comuni per i quali è stata completata l’operazione di aggiornamento della banca dati catastale eseguita sulla base del contenuto delle dichiarazioni presentate agli organismi pagatori (ultimo comunicato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 29/12/2017, n. 302).


[1] Si rammenta che ai sensi dell’art. 2, comma 2, primo periodo, del D. Leg.vo 546/1992, “Appartengono altresì alla giurisdizione tributaria le controversie promosse dai singoli possessori concernenti l’intestazione, la delimitazione, la figura, l’estensione, il classamento dei terreni e la ripartizione dell’estimo fra i compossessori a titolo di promiscuità di una stessa particella, nonché le controversie concernenti la consistenza, il classamento delle singole unità immobiliari urbane e l’attribuzione della rendita catastale.”.

 

Dalla redazione

  • Catasto e registri immobiliari
  • Leasing immobiliare
  • Fisco e Previdenza
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Fonti alternative

Profili catastali e fiscali degli impianti fotovoltaici

ACCATASTAMENTO IMPIANTI FOTOVOLTAICI E LORO COMPONENTI (Profili generali e inquadramento normativo; Quando sussiste e quando non sussiste l’obbligo di accatastare l’impianto; Qualificazione degli impianti come beni mobili o immobili) - PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA NELL’AMBITO DI ATTIVITÀ AGRICOLA (Connessione tra attività agricola e produzione di energia elettrica da fonte fotovoltaica; Immobili ospitanti gli impianti fotovoltaici realizzati su fondi agricoli) - CESSIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI, TRATTAMENTO FISCALE (Cessione di impianto fotovoltaico che costituisce un bene immobile ; Cessione di lastrico solare comprendente impianto fotovoltaico ; Cessione di impianto fotovoltaico che costituisce pertinenza) - REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI, TRATTAMENTO FISCALE (Cessione di parti destinate alla realizzazione di impianti fotovoltaici; Prestazioni di servizi per la realizzazione di impianti fotovoltaici) - LOCAZIONE O LEASING DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI, TRATTAMENTO FISCALE (Locazione o leasing di impianti fotovoltaici ; Locazione di terreni destinati a ospitare impianti fotovoltaici) - COSTITUZIONE O CESSIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE (Diritto di superficie e impianti fotovoltaici; Trattamento fiscale cessione o costituzione del diritto di superficie).
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Fisco e Previdenza
  • Edilizia e immobili
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Catasto e registri immobiliari
  • Imposte indirette
  • Imposte sul reddito

Accertamento fiscale sulle transazioni immobiliari: importanti novità nel D. Leg.vo 147/2015

Con il D. Leg.vo 147/2015, sulla “crescita e internazionalizzazione delle imprese”, è stata introdotta un’importante disposizione interpretativa che elimina la possibilità dell’Agenzia delle Entrate di accertare maggiori prezzi, ricavi o plusvalenze da cessioni di immobili o di aziende sulla base del solo maggior valore venale di mercato accertato ai fini dell’imposta di registro e/o delle imposte ipocatastali.
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Catasto e registri immobiliari
  • Edilizia e immobili

Case fantasma: individuazione, dichiarazione in catasto e attività conseguenti

Presentiamo una panoramica completa di tutte le disposizioni che, a partire dalla L. 311/2004, prevedono attività volte al reperimento ed alla dichiarazione in catasto di immobili non censiti (cosiddette «case fantasma»): adempimenti a carico dei comuni, dell’Agenzia del territorio, dei privati coinvolti e dei professionisti interessati. Il contributo è aggiornato con la pubblicazione, a maggio e novembre 2012, dei comunicati con i quali l’Agenzia del territorio, a chiusura della prima fase delle attività conseguenti al D.L. 262/2006, ha reso noti i comuni nei quali sono presenti immobili cui è stata attribuita una rendita presunta, in conseguenza dell’inadempimento da parte dei titolari.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia e immobili
  • Compravendita e locazione

La disciplina dei contratti di locazione a canone concordato ai sensi della L. 431/1998

PREMESSA - I CONTRATTI A CANONE CONCORDATO AI SENSI DELLA L. 431/1998 (Condizioni per la stipula dei contratti agevolati, transitori e per studenti universitari; Criteri per la determinazione del canone di locazione nella contrattazione territoriale; Condizioni e modalità per la stipula di contratti di locazione di natura transitoria; Condizioni e modalità per la stipula di contratti di locazione per studenti universitari; Indicazioni per i contratti da stipularsi in assenza degli accordi locali) - AGEVOLAZIONI FISCALI (Determinazione del reddito imponibile nei contratti di locazione; Riduzione del reddito imponibile per i contratti stipulati ai sensi del D.M. 16/01/2017; Riduzione dell’aliquota in caso di opzione per la c.d. “cedolare secca”; Riduzione delle imposte d’atto; Riduzione dell’aliquota IMU e TASI; Detrazioni per i conduttori; Necessità dell’attestazione ai fini delle agevolazioni fiscali).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia e immobili
  • Agevolazioni per la prima casa
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito

Interventi edilizi e regole fiscali: vantaggi, limiti, consigli ai tecnici

Attraverso esempi concernenti le più frequenti tipologie di intervento (ristrutturazione, sopraelevazione, recupero sottotetto, ampliamento con “Piano Casa”, demolizione e ricostruzione, efficientamento energetico, cambio destinazione d’uso, frazionamento ed accorpamento, ecc.) verranno illustrate le opportunità di conseguire risparmi d’imposta e le criticità di cui il tecnico deve tener conto per massimizzare il vantaggio fiscale per il cliente. Ne emerge l’importanza di una conoscenza precisa della materia - caratterizzata da regole e procedure in genere complesse, di difficile interpretazione, soggette a frequenti modificazioni - e di uno stretto coordinamento, già a partire dalla fase progettuale e di impostazione della pratica edilizia, tra il tecnico ed altri professionisti, al fine di evitare contestazioni da parte dell’Agenzia delle Entrate con possibile perdita dei benefici ed irrogazione di sanzioni.
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa
  • Standards
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Pianificazione del territorio
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)

  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Urbanistica
  • Standards
  • Piano Casa
  • Edilizia e immobili

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)

  • Pubblica Amministrazione
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia scolastica

Termine per la trasmissione dei piani regionali triennali di edilizia scolastica

  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Provvidenze
  • Alberghi e strutture ricettive

Credito d’imposta ristrutturazione alberghi strutture ricettive - Click day 2019