FAST FIND : GP10632

Sent. C. Cass. pen. 23/06/2011, n. 25191

1248597 1248597
1. Edilizia ed urbanistica - Concessione edilizia - Variante - Difformità totale del manufatto - Costituisce reato edilizio
1. La difformità totale di un manufatto dalla concessione edilizia si delinea allorché le modifiche comportino un’alterazione del progetto originario nelle sue caratteristiche essenziali di struttura, aspetto estetico, architettura, destinazione e, nel caso in cui vengano realizzati volumi edilizi oltre i limiti indicati nel progetto, allorquando i volumi realizzati in eccesso costituiscano «un organismo edilizio o parte di esso con specifica rilevanza ed autonomamente utilizzabile».

1. Conf. Cass. pen. III 29 gennaio 2004 n. 3350. Ved. anche Cass. pen. III 24 giugno 2010 n. 24236 R e III 15 luglio 1994 n. 8081. 1a. (CED-VAR) - Sulla concessione edilizia in variante ved. C.Stato IV 15 settembre 2010 n. 6878 e Cass. pen. III 5 marzo 2009 n. 9922 R (Variante al permesso di costruire - È tale la localizzazione dell’edificio in area diversa); Cass.pen. III 24 giugno 2010 n. 24236 R (Varianti al permesso di costruire - Varianti al progetto in senso proprio, varianti essenziali e varianti cd. minime - Nozione ed autorizzazione); III 5 marzo 2009 n. 9922 R (1. Variante al permesso di costruire - Variante alla progettazione originaria - Nozione); C.Stato IV 20 novembre 2008 n. 5743 R (Variante al permesso di costruire - Spostamento del fabbricato in area totalmente diversa - Inammissibilità); Cass. 30 novembre 2006 n. 25536 R (Concessione edilizia rilasciata ma ancora non comunicata al privato - Intervenuta approvazione di variante urbanistica che modifica la zona da centrale a periferica - Conseguente annullamento della concessione - Richiesta di risarcimento danni del privato - Suo interesse legittimo e non diritto soggettivo); C. Stato V 3 agosto 2004 n. 5429 R (Roto-traslazione modesta della sagoma dell’edificio per il quale è stata rilasciata concessione edilizia - È una mera varianteminore e non variazione essenziale); V 22 gennaio 2003 n. 249 R (Criteri di distinzione fra variante ad una concessione e nuova concessione edilizia); V 21 novembre 2001 n. 5926 (La variante in corso d’opera di una concessione edilizia, ai sensi dell’art. 15 della L. 28 febbraio 1985 n. 47 è ammissibile soltanto se si tratta di modifiche di limitata consistenza e conformi alle norme urbanistiche); V 18 ottobre 2001 n. 5496 R (Variante essenziale al progetto di un edificio, ai sensi dell’art. 8 della L. 1985 n. 47, è l’aumento, e non la diminuzione, della cubatura); V 2 aprile 2001 n. 1898 R (Per stabilire se si tratta di nuova concessione edilizia oppure di variante alla concessione già rilasciata bisogna prendere in considerazione le modificazioni quantitative o qualitative apportate al progetto originario, riguardanti in particolare la superficie coperta, il perimetro, la volumetria e le caratteristiche funzionali e strutturali del fabbricato, interne ed esterne); Cass. pen. III 29 aprile 1999 n. 5453 (In edilizia possono considerarsi varianti le opere di ristrutturazione come, ad esempio, la demolizione e ricostruzione di muri perimetrali con conseguente modifica delle unità immobiliari nonché le opere eseguite in violazione delle prescrizioni particolari contenute nella originaria concessione); Cass. pen. III 5 agosto 1998 n. 2097 (L’art. 15 L. 1985 n. 47 è stato implicitamente abrogato dalla L. 23 dicembre 1996 n. 662); C.Stato V 30 aprile 1997 n. 421 (Sulle misure di salvaguardia delle domande di concessione edilizia in caso di variante urbanistica a piano regolatore); V 11 aprile 1996 n. 392 R (In tema di concessione edilizia, sulle condizioni di applicabilità dell’art. 15 L. 1985 n. 47 per l’approvazione di variante in corso d’opera); V 2 febbraio 1995 n. 184 R; V 19 novembre 1994 n. 1333 R (Distinzione della concessione edilizia in variante da nuova concessione); V 17 novembre 1994 n. 1332 R (Obbligo di applicazione delle misure di salvaguardia della concessione edilizia, anche in caso di variante); V 4 gennaio 1993 n. 26 R (1. Sugli elementi da considerare al fine di discriminare una nuova concessione edilizia dalla variante ad altra preesistente; 2. Sull’iter procedimentale da seguire per la concessione relativa a variante edilizia); Csi 21 marzo 1992 n. 59 R (Sulla distinzione fra concessione in variante e nuova concessione).
(D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380, art. 31, c.1) R

Dalla redazione

  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Provvidenze

Lombardia: contributi per la rimozione di coperture e altri manufatti in cemento-amianto da edifici privati

La misura incentiva la rimozione dei manufatti in cemento-amianto ancora presenti sul territorio regionale. Possono presentare domanda unicamente i privati cittadini (persone fisiche, anche associate nel “Condominio” qualora sia costituito) proprietari di immobili, ad uso prevalentemente residenziale e relative pertinenze, situati in Lombardia, nei quali siano presenti manufatti in cemento-amianto. Il contributo è a fondo perduto fino alla concorrenza massima del 50% dell’importo della spesa ammissibile e, in ogni caso, non oltre un massimo di 15.000 € per il singolo intervento.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Finanza pubblica
  • Fonti alternative
  • Provvidenze

Veneto: incentivi per i sistemi di accumulo di energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici - anno 2019

Il bando mette a disposizione 2 milioni di euro per i cittadini che investono in energia pulita, contenendo il consumo energetico. Si prevede l'assegnazione di un contributo a fondo perduto, con un importo massimo concedibile pari a 3.000 euro e variabile fino al 50% delle spese sostenute, per l'acquisto e l'installazione di un sistema di accumulo a servizio di un impianto fotovoltaico di utenza domestica. L'intervento dovrà essere realizzato nel 2019 e le spese dovranno essere sostenute a decorrere dal 01/01/2019; gli interventi dovranno, inoltre, essere realizzati e rendicontati entro il 13/12/2019.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Imprese
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Informatica

Lazio: 5 milioni per la digitalizzazione delle imprese

Pubblicato il primo bando del piano “Digital Impresa Lazio”. Prevista una dotazione di 5 milioni di euro per aiutare le Pmi ad adottare interventi di digitalizzazione dei processi aziendali. Al finanziamento, che può riguardare progetti di importo fra i 7 mila e i 25 mila euro con un contributo fino al 70% a fondo perduto, possono accedere anche Pmi e liberi professionisti che non hanno sede operativa nella Regione al momento della presentazione della domanda, purché si impegnino localizzarsi nel Lazio entro la data dell'erogazione.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili

D.L. 32/2019 (c.d. “sblocca cantieri”): misure in tema di edilizia e opere strutturali

OPERE STRUTTURALI (Ampliamento ambito di applicazione; Ufficio cui presentare la denuncia dei lavori; Modifica ai contenuti della denuncia dei lavori; Modifica sulla presentazione della relazione a strutture ultimate e del collaudo) - COSTRUZIONI IN ZONE SISMICHE (Nuove categorie di interventi; Assorbimento degli adempimenti sulle opere strutturali; Eliminazione relazione del D.L. a strutture ultimate e collaudo statico per interventi minori) - DISTANZE LEGALI TRA FABBRICATI (Distanze negli interventi di demolizione e ricostruzione; Distanze tra fabbricati con interposte strade) - PROVE E CONTROLLI SU STRUTTURE E COSTRUZIONI ESISTENTI.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Appalti e contratti pubblici

D.L. 32/2019 (c.d. “sblocca cantieri”): misure in tema di appalti e contratti pubblici

SOSPENSIONE DI NORME E ALTRE MODIFICHE TRANSITORIE (Acquisizioni dei Comuni non capoluoghi di provincia; Divieto di ricorso all’appalto integrato; Scelta dei commissari di gara tra gli esperti iscritti all’albo; Altre norme transitorie varie) - PREVISIONE DI UN REGOLAMENTO ATTUATIVO UNICO - NOVITÀ VARIE IN TEMA DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI (Elaborazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica; Spese strumentali; Affidamento di concessioni agli affidatari di incarichi di progettazione; Verifica preventiva della progettazione; Comunicazione e pubblicazione dei provvedimenti di ammissione ed esclusione; Calcolo del valore stimato degli appalti; Anticipazione del prezzo all’appaltatore; Affidamento dei contratti sotto soglia; Affidamento dei servizi di architettura e ingegneria; Consorzi stabili; Appalto integrato; Informazioni da rendere ai candidati e agli offerenti; Motivi di esclusione; Qualificazione degli esecutori di lavori pubblici e attività delle SOA; Mezzi di prova assenza motivi di esclusione impresa ausiliarie e subappaltatori; Criteri di aggiudicazione; Offerte anomale; Concessioni; Partenariato pubblico-privato; Soppressione albo direttori dei lavori e collaudatori per affidamenti a contraente generale; Qualificazione del contraente generale; Abolizione del c.d. “rito super accelerato”; Procedure di affidamento in caso di crisi di impresa).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini