FAST FIND : NR31481

Deliberaz. G.R. Veneto 13/05/2014, n. 691

Disciplina acque reflue assimilabili alle acque reflue domestiche. Modifiche dell'art.34 del Piano regionale di Tutela delle Acque (PTA) (deliberazione del Consiglio regionale n. 107 del 5/11/2009). Ai sensi dell'art. 4. comma 3 del Piano regionale di Tutela delle Acque. Dgr 16/CR del 20.02.2014.
Scarica il pdf completo
1213048 1284809
[Premessa]


L'Assessore Maurizio Conte riferisce quanto segue.


L'articolo 34 del Piano regionale di Tutela delle Acque (PTA), approvato con deliberazione del Consiglio regionale n. 107 del 5/11/2009 Re modificato con DGR n. 842 del 15/5/2012, detta la disciplina regionale per l'assimilazione, ai sensi del comma 7 dell'art. 101 del D.Lgs.152/2006 R, degli scarichi di acque reflue di diversa provenienza, agli scarichi di acque reflue domestiche.

L'articolo 34 stabilisce che sono automaticamente assimilabili alle acque reflue domestiche tutti gli scarichi di acque reflue distinti per tipologia ed elencati nello stesso articolo al comma 1, punti a, b, c, d, e1 ed e2; in altre parole è individuata tutta una tipologia di attività che producono reflui i cui scarichi possono essere ricondotti (e quindi assimilati) agli scarichi di acque reflue domestiche, senza ulteriori controlli o verifiche, se non la mera appartenenza ad una delle tipologie di attività ivi elencate.

In particolare il punto 8) della lettera e1), del succitato articolo, stabilisce che sono assimilabili gli scarichi di acque reflue provenienti da insediamenti adibiti a "ospedali, case o istituti di cura, residenze socio assistenziali e riabilitative con numero di posti letto inferiore a 50", fermo restando che sono esclusi dall'assimilabilità gli scarichi dei laboratori scientifici e di analisi e ricerca, oltre che quelli a carattere didattico.

Sempre ai fini dell'assimilabilità, nel medesimo art. 34 del PTA è stabilito che (punto e.3), nel caso in cui la tipologia di attività che produce lo scarico non sia individuabile tra quelle ivi elencate, o sia individuabile tra esse, ma superi gli eventuali parametri di riferimento previsti, si debba ricorrere alla tabella di confronto, che riporta le concentrazioni massime ammissibili in uno scarico per alcuni parametri "indicatori", ai fini della sua assimilabilità.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

Albo progettisti interventi di adeguamento impianti di trattamento acque reflue urbane

Alla luce delle disposizioni introdotte dal D.L. 243/2016, questa pagina informativa tratta: la normativa in tema di trattamento delle acque reflue urbane, il ritardo infrastrutturale italiano e le conseguenti procedure di infrazione europee e le norme introdotte per un rapido adeguamento alla normativa, con particolare riguardo alla istituzione di un albo unico dei progettisti per gli interventi inferiori a 1.000.000 di Euro.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

La Legge di Stabilità 2016 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di Stabilità 2016 (L. 28 dicembre 2015, n. 208), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Le modifiche al Testo Unico ambientale introdotte dal D.L. 91/2014 (conv. L. 116/2014)

Presentiamo una panoramica completa dei numerosi articoli del Codice Ambientale di cui al D. Leg.vo 152/2006 interessati dalle modifiche ed integrazioni introdotte dal D.L. 90/2014, convertito in legge dalla L. 116/2014.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Puglia: disciplina degli scarichi domestici e assimilati per i piccoli insediamenti

Definite con regolamento le specifiche per gli scarichi provenienti da insediamenti inferiori a 2.000 abitanti. Tra gli scarichi assimilati ai domestici quelli di alberghi, campeggi, ristoranti e bar. Entro febbraio 2014 occorre provvedere all’adeguamento degli scarichi esistenti.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Tutti i termini prorogati dal Decreto-Legge “Milleproroghe” 244/2016 (L. 19/2017)

Rassegna completa di tutti i termini in scadenza di interesse di professionisti tecnici, enti e pubbliche amministrazioni, imprese, prorogati dal consueto decreto-legge “Milleproroghe” (D.L. 244/2016 convertito in legge dalla L. 19/2017). Prevenzione incendi; Protezione civile, calamità e terremoti; Appalti, opere e infrastrutture; Pubblica amministrazione; Ambiente, fonti rinnovabili e sicurezza sul lavoro; Varie.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

09/12/2016

07/06/2016

28/01/2016

09/10/2017