FAST FIND : NW3659

Ultimo aggiornamento
13/05/2014

Sicurezza: il CSE è responsabile per omessa «alta vigilanza» in cantiere (Cass. 15484/2014)

Al coordinatore per la sicurezza nella fase di esecuzione dei lavori sono attribuiti precisi compiti ed obblighi che lo individuano quale titolare di una specifica ed autonoma posizione di garanzia, che si affianca a quelle degli altri soggetti destinatari della normativa antinfortunistica. La Corte di Cassazione si pronuncia su uno degli argomenti più discussi in materia sicurezza nei cantieri.
A cura di:
  • Anna Petricca

Sussiste la responsabilità penale del Coordinatore per la Sicurezza in fase di Esecuzione (CSE) per non aver correttamente vigilato sulla effettiva realizzazione degli interventi atti ad evitare infortuni dei lavoratori. A stabilirlo la Corte di Cassazione con la Sentenza del 07/04/2014, n. 15484.

La normativa in materia di sicurezza del lavoro nel caso di attività lavorative svolte in un cantiere edile individua diverse posizioni di garanzia, la principale delle quali certamente riguarda il datore di lavoro, che organizza e gestisce l’esecuzione dell’opera, ma che coinvolgono, oltre al committente, diverse figure professionali, tra le quali vi è certamente il coordinatore per la sicurezza nella fase di esecuzione dei lavori. A tale figura professionale la legge attribuisce precisi compiti ed obblighi, che lo individuano quale titolare di una specifica ed autonoma posizione di garanzia che si affianca a quelle degli altri soggetti destinatari della normativa antinfortunistica. In particolare al coordinatore per l’esecuzione dei lavori è attribuito, tra gli altri, non solo il compito di organizzare il lavoro tra le diverse imprese operanti nel cantiere e di assicurare il collegamento tra appaltatore e committente, al fine della migliore organizzazione del lavoro sotto il profilo della tutela antinfortunistica, ma anche quello di vigilare sulla corretta osservanza, da parte delle stesse imprese, delle prescrizioni del piano di sicurezza nonché sulla scrupolosa applicazione delle procedure di lavoro, a garanzia dell’incolumità dei lavoratori.

Si tratta di un compito di «alta vigilanza» che, seppur non necessariamente deve implicare una continua presenza nel cantiere, deve tuttavia esercitarsi in maniera attenta e scrupolosa e riguardare tutte le lavorazioni in atto, specie quelle che pongono maggiormente a rischio l’incolumità degli operatori.

«Non vale ad escludere, o anche solo a ridimensionare, le responsabilità del CSE» si legge nella sentenza «sostenere che lo stesso si recava di frequente nel cantiere, laddove si consideri che tale presenza avrebbe dovuto esser anche diretta alla verifica del rispetto, da parte dei responsabili delle imprese, delle prescrizioni previste nel piano di sicurezza. Proprio la presenza frequente in cantiere avrebbe dovuto porre il (Omissis) nelle migliori condizioni per approfondire le questioni concernenti i temi della sicurezza, non solo attraverso riunioni tra i diversi soggetti interessati, ma anche attraverso la diretta verifica del rispetto delle relative prescrizioni, specie di quelle dirette ad evitare i rischi più gravi legati all’esecuzione delle opere».

Sulla base di tali argomentazioni la Suprema Corte rigetta il ricorso di un architetto, nominato Coordinatore per la sicurezza, ritenuto colpevole del delitto di lesioni colpose ai danni di un operaio colpito da una trave-cornice durante i lavori di puntellamento delle strutture murarie oggetto di un intervento di restauro.

Dalla redazione

Responsabilità del datore di lavoro e del lavoratore in caso di infortunio sul lavoro: il punto della Cassazione

Cassazione penale, sentenza 36882/2015. Il quadro normativo delinea un sistema “collaborativo” in cui gli obblighi sono ripartiti tra più soggetti, compresi i lavoratori. Il datore di lavoro, una volta che ha fornito tutti i mezzi idonei alla prevenzione, non risponderà dell’evento derivante da una condotta imprevedibilmente colposa del lavoratore. Viceversa, nelle ipotesi di infortunio originato dall’assenza o inidoneità delle misure di prevenzione e/o formazione, nessuna efficacia causale viene attribuita al comportamento del lavoratore infortunato.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Vigilanza del coordinatore per l’esecuzione, obblighi e responsabilità (Cass. Pen. 45862/2017)

In materia di sicurezza sul lavoro nei cantieri il coordinatore per l’esecuzione riveste un ruolo di “alta vigilanza” che riguarda la generale configurazione delle lavorazioni e non la puntuale e stringente vigilanza, momento per momento, demandata ad altre figure operative, ossia al datore di lavoro, al dirigente, al preposto. Tuttavia il suo controllo non può essere meramente formale, ma va svolto in concreto, secondo modalità che derivano dalla conformazione delle lavorazioni con le eventuali conseguenti responsabilità.
A cura di:
  • Anna Petricca

Albo imprese specializzate in bonifiche da ordigni esplosivi residuati bellici

Sintesi delle disposizioni contenute nel D. Leg.vo 81/2008 concernenti la bonifica dagli ordigni bellici inesplosi e del D.M. 11/05/2015 - che disciplina le modalità attraverso le quali è tenuto e aggiornato l'albo delle imprese specializzate in queste attività - con particolare riguardo ai requisiti tecnico-economici che occorre possedere per l’iscrizione. Contributo aggiornato al D.M. 28/02/2017 che ha rivisto l’organizzazione del servizio di bonifica e la disciplina della formazione del personale.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Gli obblighi dell’impresa affidataria nei cantieri temporanei e mobili

Pagina informativa sintetica ma esaustiva che riepiloga, alla luce delle disposizioni recate dal Testo unico della sicurezza di cui al D. Leg.vo 81/2008 e dalle interpretazioni fornite dalla Commissione per gli interpelli presso il Ministero del lavoro, gli obblighi gravanti sull’impresa affidataria di lavori da svolgersi nell’ambito di cantieri temporanei e mobili.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Gli obblighi del committente nei cantieri edili: nomina coordinatore, notifica preliminare e verifiche varie

Pagina informativa sintetica ma esaustiva che riepiloga gli obblighi che ai sensi del Testo unico della sicurezza di cui al D. Leg.vo 81/2008 ricadono in capo al committente in caso di opere edili. Gli obblighi in questione consistono in particolare nella nomina del coordinatore, nella notifica preliminare e in ulteriori verifiche e adempimenti documentali. AGGIORNAMENTO APRILE 2016: Interpello Ministero del lavoro e politiche sociali 21/03/2016, n. 1 che ha chiarito alcuni aspetti concernenti le verifiche documentali sul DURC.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

01/12/2016

08/11/2016