FAST FIND : NR31097

L. R. Liguria 11/03/2014, n. 4

Norme per il rilancio dell’agricoltura e della selvicoltura, per la salvaguardia del territorio rurale ed istituzione della banca regionale della terra.
Stralcio.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L.R. 28/12/2017, n. 29
- Sent. Corte Cost. 13/03/2019, n. 44
Scarica il pdf completo
1184309 5426344
Articolo 1 - (Oggetto e finalità)

1. La presente legge definisce strumenti ed interventi per promuovere il rilancio delle attività agricole e selvicolturali, anche attraverso il recupero produttivo dei terreni abbandonati, incolti o insufficientemente coltivati e la salvaguardia del territorio.

2. La presente legge, in particolare, persegue le seguenti finalità:

a) favorire l’aumento della superficie media aziendale attraverso l’accorpamento delle superfici a vocazione agricola e forest

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1184309 5426345
Articolo 2 - (Azioni della Regione)

1. Per le finalità di cui all’articolo 1, la Regione, con la presente legge, promuove:

a) una più efficace azione di vigilanza sul rispetto degli obblighi dei proprietari di terreni agricoli o forestali con particolare attenzione alla regimazione del deflusso delle acque meteoriche;

b) gli interventi volti ad agevolare la

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1184309 5426346
Articolo 3 - (Vigilanza sul rispetto degli obblighi connessi alla proprietà o al possesso di terreni)

1. Ai fini del rispetto delle disposizioni previste dal Codice civile e dalla vigente normativa i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1184309 5426347
Articolo 4 - (Ambiti di intervento)

1. La Regione, d’intesa con i comuni interessati, per le finalità di cui all’articolo 1, comma 1, individua, con deliberazione di Giunta, gli ambiti territoriali a vocazione agro-forestale, nei quali sia accertata la necessità di interventi volti a:

a) ripristinare la rete di regimazione del deflusso delle acque piovane e di natura sorgiva, anche al fine di una migliore gestione della risorsa idrica;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1184309 5426348
Articolo 5 - (Competenze dei comuni)

1. I regolamenti di polizia rurale, adottati dai comuni ai sensi dell’articolo 7, comma 1, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 (Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali) e successive modificazioni ed integrazioni, indicano, fra l’altro, le misure minime, attuabili dai proprietari dei terreni a vocazione agro-forestale, ovvero da coloro che ne abbiano la disponibilità in virtù di diritti reali o personali di godimento, per fare fronte alle seguenti necessità:

a) prevenire il dilavamento e l’e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1184309 5426349
Articolo 6 - (Banca regionale della terra)

1. Allo scopo di promuovere i processi di ricomposizione e riordino fondiario, di recuperare ad uso produttivo le superfici agricole e forestali abbandonate, incolte o sottoutilizzate, nonché di favorire la salvaguardia del territorio, la Regione istituisce, presso il dipartimento regionale competente per materia, la Banca regionale della terra.

2. La Banca regionale della terra consiste in una base dati informatica, accessibile al pubblico ed aggiornata periodicamente, nella quale sono inserite le coordinate catastali e le eventuali ulteriori informazioni, concernenti le particelle i cui proprietari o aventi causa abbiano se

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1184309 5426350
Articolo 7 - (Incentivi a favore degli imprenditori agricoli e dei proprietari di terreni forestali)

1. Per le finalità di cui all’articolo 1, la Regione può erogare le seguenti tipologie di incentivi:

a) a favore degli imprenditori agricoli:

1) aiuti “una tantum” per il recupero a fini produttivi di terreni agricoli incolti o di terreni non agricoli; gli aiuti, di importo non superiore a euro 500,00 per ettaro, sono concessi nei limiti stabiliti dal regolamento (CE) n. 1408/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1184309 5426351
Articolo 8 - (Contributi a favore dei comuni e dei consorzi)

1. La Regione, nei limiti delle disponibilità di bilancio, in base ai criteri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1184309 5426352
Articolo 9 - (Sanzioni per la violazione degli impegni sottoscritti con gli atti d’obbligo)

1. In caso di inosservanza degli obblighi sottoscritti con l'atto di impegno di cui all'artico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1184309 5426353
Articolo 10 - (Modifiche alla legge regionale 22 gennaio 1999, n. 4 (Norme in materia di foreste e di assetto idrogeologico))

1. Il comma 1 dell’articolo 2 della l.r. 4/1999 e successive modificazioni ed integrazioni è sostituito dal seguente:

“1. Agli effetti della presente legge si considera bosco il terreno coperto da vegetazione forestale arborea associata o meno a quella arbustiva, di origine naturale o artificiale, in qualsiasi stadio di sviluppo, ivi compresa la macchia mediterranea, nonché il terreno temporaneamente privo della preesistente vegetazione forestale per cause naturali o per interventi dell'uomo.”.

2. La lettera a) del comma 2 dell’articolo 2 della l.r. 4/1999 e successive modificazioni ed integrazioni è sostituita dalla seguente:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1184309 5426354
Art. 11 - Art. 12 - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Urbanistica
  • Provvidenze
  • Aree rurali
  • Agricoltura e Foreste
  • Finanza pubblica

Emilia Romagna: contributi per prevenzione frane e riduzione danni all'agricoltura

La Regione Emilia Romagna scende in campo per realizzare interventi che possano prevenire i danni che le frane, innescate da maltempo o calamità naturali, potrebbero causare a terreni coltivati e fabbricati produttivi agricoli. Il bando è rivolto a imprese agricole, raggruppamenti di imprese ed enti pubblici. Potranno essere effettuate opere idrauliche e agrarie per la riduzione del dissesto idro-geologico sui terreni o nelle aziende. L’azione del bando non riguarda azioni di ripristino di danni già avvenuti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Finanza pubblica
  • Urbanistica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Agricoltura e Foreste
  • Aree rurali

Emilia Romagna: azioni di prevenzione per ridurre le conseguenze di calamità naturali e avversità climatiche

La Regione Emilia Romagna mette a disposizione 17 milioni di euro per sostenere interventi di prevenzione dei danni che le frane, innescate da maltempo o calamità naturali, possono causare a terreni coltivati e fabbricati produttivi agricoli. Oltre alle spese sostenute per gli interventi sul territorio, (ovvero interventi a carattere strutturale per la riduzione del rischio di dissesto idro-geologico) sono ammissibili a contributo le spese tecniche generali, incluse le indagini geognostiche, come onorari di professionisti o consulenti. L’azione del bando non riguarda azioni di ripristino di danni già avvenuti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Aree rurali
  • Aree urbane
  • Urbanistica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Mezzogiorno e aree depresse
  • Agricoltura e Foreste

Valorizzazione beni non utilizzati nel Mezzogiorno tramite concessione

Procedura individuata dal D.L. 91/2017 per rafforzare le opportunità occupazionali e di reddito dei giovani nel Mezzogiorno tramite concessione e valorizzazione di beni non utilizzati. Priorità a riuso di immobili dismessi senza consumo di ulteriore suolo non edificato e ad elevati standard di qualità architettonica e paesaggistica. Aggiornamento al 13/08/2017.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Aree rurali
  • Urbanistica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze

Lazio: sostegno alla creazione, miglioramento o ampliamento delle infrastrutture su piccola scala

Contributo a fondo perduto fino al 100% per il sostegno agli investimenti nella creazione, miglioramento o ampliamento delle infrastrutture su piccola scala, compresi gli investimenti nelle energie rinnovabili e il risparmio energetico. Il bando intende dare attuazione ad azioni finalizzate a sostenere gli enti pubblici nel realizzare interventi volti alla conoscenza ed al monitoraggio del patrimonio ambientale, ed alla realizzazione di interventi di conservazione, riqualificazione e valorizzazione del patrimonio culturale e rurale dei villaggi, del paesaggio rurale e dei siti ad alto valore naturalistico.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa
  • Distanze tra le costruzioni
  • Urbanistica

I limiti di distanza tra fabbricati antistanti

Distanze tra costruzioni; modalità di calcolo delle distanze; prevalenza sui regolamenti locali; norma imperativa; pareti finestrate; edifici preesistenti; centro storico; nuova costruzione; ristrutturazione; demolizione e ricostruzione; deroghe.
A cura di:
  • Giulio Tomasi
  • Indici, tassi e costi di costruzione
  • Urbanistica
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Titoli abilitativi
  • Costi di costruzione
  • Aree rurali
  • Agricoltura e Foreste
  • Agriturismo
  • Alberghi e strutture ricettive

Trento: obbligo di adeguamento dei Comuni al Regolamento urbanistico-edilizio provinciale

  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Agricoltura e Foreste
  • Acque

Lombardia: presentazione o aggiornamento della Comunicazione nitrati per l'anno 2019